• Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Tra il 1968 e il 2001 la storia del giornalismo italiano non può non riflettere i segni dì una difficile transizione economica, politica e culturale che non è senza rapporto con la realtà dei nostri giorni difficili. La strage di piazza Fontana (12 dicembre 1969) segna un decisivo spartiacque tra due stagioni della vita pubblica italiana e, a sette anni dalla morte mai chiarita di Enrico Mattei, inaugura una sequenza di misteri italiani che sulla stampa quotidiana e periodica trovano una lettura argomentata e un controcanto lucido e appassionato, degno della tradizione più alta del giornalismo d’inchiesta. Degli anni terribili delle stragi offrono un resoconto impegnato e fede degno alcuni eccezionali cronisti di una nuova generazione, da Marco Mozza a Giampaolo Pansa a Romano Cantore, indisponibili al riuso delle malcerte o mistificatone verità ufficiali. Il terrorismo e la criminalità rnafiosa e camorristica diventano due drammatiche pietre di paragone per i giornalisti meno disposti a stabilire, con l’una e con l’altra, relazioni di convivenza non conflittuale: sul duplice fronte della narrazione e della lotta antiterroristica e anticriminale muoiono, tra gli altri, Carlo Casalegno, Walter Tobagi e Giancarlo Siani, presenti nel volume con gli scritti che sono costati loro la vita.

Spesso comprati insieme

  • Giornalismo italiano: 4
    +
  • Giornalismo italiano: 2
    +
  • Giornalismo italiano: 1
    +
  • Giornalismo italiano: 3
  • Prezzo totale: 195,00

Informazioni aggiuntive

Binding

Brand

Creator

EAN

EAN List

ISBN

Label

Languages

Manufacturer

Number Of Pages

Product Group

Publication Date

Publisher

Release Date

Studio

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Giornalismo italiano: 4”