"Mia figlia è un talento: aiutatemi PER la scuola di DANZA

Laura Bufano ha 11 anni e da quando è nata la sua passione è la danza. A 3 anni ha superato la sua prima audizione e a 6 era già a ballare danza classica all’Accademia della Scala di Milano. Il suo obiettivo di entrare in una accademia di danza classica è diventato realtà da pochi giorni, da quando ha superato le ammissioni per entrare all’École supérieure de danse de Cannes Rosella Hightower, una delle scuole più prestigiose al mondo. Il suo sogno, però, adesso si scontra contro i costi esorbitanti di questa scuola. La madre, Rossella Bufano, sta crescendo i suoi figli da sola, da quando il padre è andato via di casa mentre lei era incinta. Al lavoro la sua azienda l’ha messa in solidarietà e arrivare alla fine del mese è sempre più difficile con due figli e l’affitto da pagare. Per questo, ha deciso di raccontare la sua storia e di chiedere aiuto per permettere a sua figlia di continuare a inseguire il suo sogno. “Voglio dimostrarle che in questo mondo si va avanti anche per il talento, non solo per i soldi”. Il link da seguire per partecipare alla campagna di crowfunding e sostenere Laura è https://www.gofundme.com/dancewithlaura

Leggi di più...
Foto rare Kurt Cobain mangia la pizza

Foto rare Kurt Cobain mangia la pizza

Kurt Donald Cobain nato ad Aberdeen, 20 febbraio 1967, morto a Seattle, 5 aprile 1994, è stato un cantautore e chitarrista statunitense, frontman del gruppo musicale grunge Nirvana.
La mattina dell’8 aprile 1994 il corpo di Cobain fu trovato morto
L’autopsia successivamente confermò che la morte di Cobain fu causata da un «colpo di fucile autoinflitto alla testa». Nonostante il corpo fosse visibilmente riconoscibile come Cobain (il colpo di fucile a contatto col palato aveva infatti solamente deformato il suo cranio sfigurandolo leggermente), venne comunque identificato tramite le impronte digitali

Leggi di più...

L’abbonamento studenti gratuito della Regione Campania

Con uno stanziamento di 15,6 milioni da parte della Regione Campania, dal 20 luglio 2016 gli studenti campani potranno richiedere gli abbonamenti gratuiti per il percorso casa/scuola.

Potranno presentare domanda gli studenti che siano in possesso dei seguenti requisiti:

residenza in Campania;

età compresa tra gli 11 e i 26 anni compiuti;

iscrizione a scuola secondaria di primo e secondo grado (medie e superiori) o università;

distanza casa-scuola superiore a 1,0 km ;

possesso della certificazione ISEE non superiore a € 35.000

Per il rilascio dell’abbonamento, gli utenti dovranno registrarsi sul sito del Consorzio UnicoCampania (www.unicocampania.it) nella sezione dedicata, dove sarà possibile compilare e stampare il modulo di richiesta.È, inoltre, previsto il pagamento di € 50,00, di cui:

€ 10,00 quale contributo annuale per le spese di gestione pratica e di emissione della smart card personalizzata;

€ 40,00 a titolo di deposito cauzionale che sarà restituito all’utente alla scadenza dell’abbonamento.

Gli abbonamenti potranno essere aziendali o integrati – a seconda che lo studente utilizzi i mezzi di una sola Azienda per raggiungere l’istituto scolastico, o i mezzi di più Aziende – avranno validità solo nei giorni feriali e fino al 31/07/2017.

Sono esclusi dall’agevolazione:

I non residenti in Campania;

Gli studenti di scuola primaria (elementari);

Studenti iscritti a Facoltà Universitarie Telematiche;

Studenti iscritti a corsi di formazione professionale;

Leggi di più...

Aleppo, una bomba cade in diretta. Ferito il reporter

https://www.youtube.com/watch?v=RRA_bspTfzE

Durante una diretta tv, una bomba è caduta vicino al reporter Milad Fadl. Il giornalista di Al Jazeera nei giorni passati era scoppiato in lacrime in diretta mentre stava raccontando l’assedio di Aleppo e le condizioni disperate in cui si trovavano i civili. Fortunatamente l’ordigno ha ferito solo lievemente Fadl che dopo lo scoppio è fuggito assieme ai militari presenti

Leggi di più...

Una 22enne chiede passaggio: branco tenta di violentarla

772851bcfa_violenza-donna-slide

 «Erano da poco passate le 23 di sabato – racconta Anna, un nome di fantasia – ero in compagnia delle mie due amiche e io volevo andare a ballare mentre le altre due stavano per rientrare a casa. Abbiamo litigato. Mi hanno lasciata sola e, un po’ per ripicca, un po’ per scelta, sono salita dal porto di Marina di Camerota all’incrocio del cinema Bolivar». Anna ha 22 anni. E’ di Napoli. Va in vacanza a Marina di Camerota con tutta la sua famiglia da quando era nel pancione della mamma. «Volevo prendere la navetta – rivela – ma è passata un’auto con a bordo tre ragazzi, non del posto, e mi hanno chiesto se volevo un passaggio». Anna aveva tra le mani una sigaretta e una bottiglia di birra mezza piena, come lei stesso racconta. Ha buttato la cicca sull’asfalto, ha fatto l’ultimo sorso di birra ed è salita in auto. I ragazzi l’avrebbero fatta accomodare nei sedili posteriori. «Avevano bevuto e ho cominciato subito ad avere paura. E’ stata una scelta sbagliata – ammette la 22enne – ma ormai ero seduta e non potevo far altro che sperare che tutto andasse per il verso giusto».  «Poi siamo arrivati all’altezza del bivio di Palinuro, sono scesi per la stradina dell’arco naturale – continua a raccontare Anna – ed è a questo punto che mi sono insospettita. Hanno iniziato a fare domande molto spinte e a toccarmi le gambe». La 22enne è scoppiata in lacrime e ha minacciato i ragazzi dicendo che cominciava ad urlare se non la portavano subito indietro o la facevamo scendere dall’auto.
 «Da lontano si vedono i fari di un’auto e quelli sono stati la mia salvezza». I tre lasciano Anna a piedi e scappano via. La giovane, sotto shock, non è riuscito a prendere il numero di targa. «Ricordo solo che era una Renault verde militare» .  «Ho troppa paura di dire come stanno le cose alla mia famiglia e, lo stesso discorso, vale anche per i carabinieri. Se racconto quanto successo alle forze dell’ordine lo verranno a sapere anche mamma e papà. Spero sia solo stato un incubo e ora è tutto finito».

Leggi di più...