Ed alla fine scoprii Blackberry Way (1968) The Move

Nov 06 2014

Ed alla fine scoprii Blackberry Way (1968) The Move

Blackberry Way (1968) The Move

Sono passati un bel po di anni prima di scoprire che Tutta mia la città era solo una cover di Blackberry Way The Move . Il brano composto nel 1968   da Roy Wood, è stato onorato da moltissime cover. Tra queste, quella famosissima in Italia dell’Equipe 84.
Il fenomeno delle cover dei gruppi Anglosassoni negli anni 60 era molto diffuso, come non ricordare quelle dei Dik Dik con i Procol Harum, o quelle di Caterina Caselli.
Il problema è che questi gruppi famosissimi e di tendenza planetaria, per questo motivo sono stati completamente eclissati in Italia, insieme a quello che rappresentavano per il mondo giovanile dell’epoca, sostituiti da versioni annacquate e all’italiana con tutto il provincialismo di cui eravamo (e siamo) capaci.

Harold Wilson e Marcia Williams

 

I Move avevano un manager, Tony Secunda (Anthony Michael (24 August 1940 – 12 February 1995), che nella sua scuderia vantava nomi come quelli dei The Moody Blues, Procol Harum, The Move, and T. Rex, Motörhead, Steeleye Span, Marianne Faithfull and the Pretenders.

La campagna promozionale di “Flower in the Rain” generò litigi ed ebbe ripercussioni per Wood e il gruppo per intero. Senza consultare la band, Secunda fece produrre un cartonato cartoon che mostrava il Primo Ministro Inglese, Harold Wilson, a letto con la sua segretaria Marcia Falkender.
Wilson citò in causa i Move per diffamazione e il gruppo perse la causa, dovendo pagare tutti i costi, e le royality guadagnate con la canzone, che sarebbero state altrimenti proprietà del compositore Wood, sarebbero andate ad una associazione di beneficenza scelta da Wilson. La sentenza, con grande disappunto di Wood, è rimasta in vigore anche dopo la morte di Wilson nel 1995.

Come diretta conseguenza della causa, i Move licenziarono Secunda e assunsero Don Arden.

Please create a form with contact 7 and add.

Theme Settings > General > Contact Form Modal Settings