Evasa di casa per buttare la spazzatura

Ago 26 2014

Evasa di casa per buttare la spazzatura

x8pldzWNHDA--

E’ quello che ha sentienziato la Cassazione in un ricorso presentato da una signora che si trovava agli arresti domiciliari: il divieto di uscire dall’abitazione, salvo autorizzazione, costituisce un divieto «assai semplice» e «di comune cognizione». Così la signora Uscita di casa mentre era agli arresti domiciliari anche solo per andare a buttare la spazzatura è stata considerata una evasa. Nel giudicare il ricorso di una donna della provincia di Napoli, la Cassazione ribadisce la linea dura e ribadisce che «ogni allontanamento, ancorché limitato nel tempo e nello spazio» costituisce reato. Secondo quanto viene ricostruito nella sentenza numero 36123 della sesta sezione penale, la donna era stata sorpresa fuori casa dai poliziotti che erano andati a controllarla, anche se in pigiama e pantofole. Nel ricorso l’avvocato dell’imputata aveva sostenuto come dall’abbigliamento dell’imputata fosse evidente che non volesse allontanarsi, ma solo «tutelare il proprio diritti a vivere in un ambiente libero dai rifiuti». La Cassazione sottolinea invece come la legge a tal proposito sia chiara e non ammetta ignoranza: il divieto di uscire dall’abitazione, salvo autorizzazione, costituisce un divieto «assai semplice» e «di comune cognizione». Tra l’altro la Corte ricorda come chi si trova ai domiciliari abbia la possibilità di chiedere al giudice la specifica autorizzazione ad allontanarsi dalla propria abitazione per provvedere alle indispensabili esigenze di vita, cosa che in questo caso non era stata fatta.

Commenti

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Please create a form with contact 7 and add.

Theme Settings > General > Contact Form Modal Settings